Alessandra D'Onofrio

Dall'età di quattro anni è affascinata dalla bellezza di indossare le scarpette di danza, tra un arabesque e un grand plié compie vent'anni. Scopre il teatro con la commedia dell'arte, diplomandosi alla Scuola Internazionale di Teatro a Roma.
Nel frattempo si laurea in Arti Visive e delle Spettacolo a Venezia, discutendo una tesi sulla terapia del movimento. Si innamora dell'arte danzata di Pina Bausch, del teatro di Romeo Castellucci e delle performance di Marina Abramović, esplorando il contrasto tra i limiti del corpo e le possibilità della mente.

Si specializza all'Università di Siena in Linguaggi Radiofonici, apprendendo le tecniche di respirazione e l'uso della voce.
Non abbandona mai la danza, avvicinandosi alla danza classica indiana stile Bharata Natyam. Si trasferisce per qualche anno in Spagna dove pratica il Raja yoga.

Al rientro in Italia incontra Laura Dajelli, trovando nella scuola Rhamni quell'unione profonda tra corpo e respiro che tanto aveva ricercato nelle sue esperienze precedenti. Si iscrive al corso di formazione quadriennale per insegnanti di yoga, dove pratica e studia con Laura Dajelli, Claudio Conte e Patrick Tomatis.

Dal 2018, sotto la guida e il supporto tecnico dell'insegnante Francesca Molinari, inizia ad insegnare yoga dinamico a Castellanza.

A maggio 2019 ha concluso il corso: “Gli Yogasutra e il metodo di Patanjali: praticare il testo”, condotto dalla Dott.ssa Silvia Patrizio, riconosciuto come formazione continua Y.A.N.I.

In accordo con Laura Dajelli, si avvicina allo yoga vinyasa flow, approfondendo lo studio a New York e a Barcellona.

Sperimentazione e curiosità continuano...

Per maggiori informazioni